CittadinoNews n.10

0
721

Un anno ancora neonato ci ha accolto tra le sue braccia già da qualche giorno. Diciamo che sin dal primo momento ci sarà da lavorare molto, soprattutto per quel che riguarda l’ennesima auspicata rinascita per l’Italia. La Redazione del CittadinoNews è pronta a continuare quanto già iniziato e proposto mesi orsono, sebbene quest’anno la rivista stia affrontando problemi di natura economica – la crisi, del resto, è uguale per tutti – che renderanno più difficile e impegnativo il nostro lavoro (e la comprensione dei lettori renderà meno gravoso il nostro compito). Tuttavia lo spirito beneaugurante dei primi giorni di quest’anno, di questo 2013 che preannuncia cambiamenti che si realizzeranno a breve, qualsiasi sia la direzione socio-politica che si imboccherà, ci invita ad afferrare saldamente il timone della Cultura perché potrebbe rivelarsi l’atteggiamento migliore per navigare su un elemento spesso duplice, ambiguo, accidentato e logorante, quale il mare della quotidianità. Quale migliore compagna si possa mai augurare in un viaggio “marittimo” se non la Fortuna? Naturalmente questa forza straordinaria che è da intendersi anche come Sorte, Destino o addirittura Caso, rappresenta il vero e unico arbitro dell’umanità. Questo il tema con cui si vuole inaugurare il 2013. Inevitabile non andare col pensiero al Machiavelli che raffigura la Fortuna come un fiume in piena capace di straripare da un momento all’altro e in grado di devastare qualsiasi cosa incontri ma di cui l’uomo può limitare i devastanti effetti ponendo determinati argini. Il cemento della costruzione di questi argini si chiama “virtù”, intesa come capacità di previsione e di adattamento, capacità di cogliere al volo l’occasione del momento. Pertanto l’augurio collettivo è che di fronte ai colpi/occasioni della Sorte (propizia o funesta che sia) ci si serva sempre della capacità “virtuosa” insita (a volte inconsapevolmente) in ciascuno di noi.
Buon anno e buona lettura