GAMES ARENA: LA NUOVA REALTÀ GIOVANILE. I videogiochi come mezzo di integrazione sociale

0
920

I videogiochi, da sempre, sono considerati un semplice passatempo solitario dalle comunità come la nostra, ma, da alcuni anni, la situazione sta cambiando. Intorno al passatempo videoludico, girano diversi tipi di competizione, dalla più semplice (una partita tra amici) a quelle che eguagliano il mondo dello sport professionistico (E-Sports). Ormai video giocare è diventato semplicissimo, basta pensare agli ormai comunissimi smartphone che offrono intrattenimento, anche se in modo abbastanza blando e povero di contenuti. Ormai è comune vedere il genitore giocare con il proprio figlio, il nonno con il proprio nipote ai videogiochi, perché sono accessibili a tutti e non hanno un mondo dietro pronto ad additare o giudicare al primo errore. I videogiochi sono al passo con le tematiche sociali come la questione dell’orientamento sessuale, per esempio nel nuovo Assassin’s Creed: Syndicate, uno dei primi personaggi che si incontrerà sarà transessuale, confermando Ubisoft come software house al passo coi tempi, anche se non sempre perfetta nei suoi lavori, ma questa è un’altra storia.

Ma adesso ci presentiamo.

Noi di Games Arena ci siamo conosciuti proprio così: tramite delle competizioni online alle quali, ora, stiamo partecipando come gruppo. Il nostro gruppo sta diventando man mano sempre più grande e variegato, riuscendo ad avere membri da Nord a Sud della penisola. L’impatto sociale avuto è stato un qualcosa di incredibile. Ognuno di noi si è ritrovato con più di cinquanta nuovi amici con cui divertirsi, avere appoggio morale, chiacchierare del più e del meno e tutto senza quei pregiudizi che abbagliano la società contemporanea. Siamo gestori a livello regionale di “Qdss Group Campania” che conta più di duecento membri attualmente (i quali aumentano ogni giorno). Abbiamo organizzato i primi tornei di videogiochi fatti a livello competitivo a Montecorvino Rovella, senza aver lucrato sulla cosa e aver comunque venduto oltre cinquanta biglietti tra tornei e test di videogiochi al momento. Gestiamo un server TeamSpeak3 nel quale abbiamo uno staff professionale e preparato per ogni evenienza a livello informatico. Insomma a livello organizzativo, siamo preparati. Ora ci preoccuperemo di darvi la vostra giusta e buona dose di informazione videoludico-tecnologica su questa rivista. Non mancheranno recensioni e commenti delle prossime nuove uscite. In oltre organizzeremo eventi, in vari comuni campani. Speriamo che un’idea di cambiamento, di innovazione porti una boccata d’aria fresca in un paese mentalmente bloccato agli anni ’60.

Prima di concludere questa presentazione, vorremmo, però, toglierci un sassolino dalla scarpa. In tutto quello che abbiamo fatto, purtroppo, siamo stati ostacolati, boicottati dai “piani alti” di questa cittadina picentina, ma ovviamente non demordiamo e ci portiamo avanti, distinguendoci dall’invidia e ipocrisia che ha sempre contraddistinto tutta la classe “politica” che si è succeduta nel tempo.

Luca Capacchione

Per contatti unrealuke2757@gmail.com