INTO THE MAGIC- GIFFONI FILM FESTIVAL 2017

0
307

Premiato con il Giffoni Experience Award per la sua straordinaria carriera, Claudio Amendola incontra il pubblico della cittadella per la prima volta. Ha rifiutato spesso l’invito per motivi di lavoro e ammette d’aver sbagliato. Afferma:” Sono contento d’essere qui, si respira aria buona. Ho incontrato ragazzi preparatissimi e interessati al cinema, sono convinto che loro saranno il giusto ricambio generazionale sugli schermi e non solo”. In sala stampa risponde scrupolosamente alle domande dei giornalisti ma prima si parla della Roma e di Totti, solo una piccola parentesi però, bisogna parlare del suo ultimo film da regista, “Il permesso”. In questa pellicola l’attore romano attua un passaggio di genere, dalla commedia al noir. Tema centrale del film l’assunzione della colpa e la libertà, quella che viene concessa ai detenuti . Dice:” Grazie ad una notte passato in carcere a 19 anni, ho capito che la libertà è sacra ed esserne privato è la cosa peggiore che possa accadere a una persona”
Vincitore del premio come miglior attore non protagonista nel film “ Noi e la Giulia”, ammette l’esistenza di un filo conduttore tra lui e il personaggio interpretato, sente forte in la nostalgia del passato e la speranza per il futuro, si definisce un terribile ottimista. A chi gli chiede se il fatto d’esser nato tra gli artisti lo abbia agevolato nella sua carriera, risponde:
” Sicuramente. Ho masticato pane e cinema sin da bambino e questo mi ha aiutato molto. Ricordo gli inizi, ho cominciato per gioco, quando per fare un favore a mia madre ho fatto un provino, poi è successo quello che avete visto”.
Progetti per il futuro, interpretare ruoli da nonno, come buono auspicio. Spera di restare in salute e di poter vedere realizzati i sogni dei suoi figli, quasi si emoziona. Poi, una serie tv in rai e l’idea di fare un film su un libro che lui stesso sta scrivendo.
In conclusione Amendola accenna anche al rapporto tra i giovani e il cinema. E’ dispiaciuto dal fatto che ad oggi siano pochi gli amanti delle sale cinematografiche. In tanti preferiscono restare a casa a guardare un bel film, ma al cellulare. Invita chi di dovere a cambiare il modo di pensare ed ad andare incontro ai nuovi mezzi di comunicazione, inutile aspettare il ritorno di massa al cinema.
Per noi la giornata in cittadella è terminata.
Ora ci spostiamo al Giffoni street fest per balli, canti, show e gastronomia.
A domani!
Grazia Imparato