Le emozioni al tempo della crisi

0
797

La solitudine, quella che cercavi… Spegnersi nella notte con un dolce suono e lasciarsi trasportare dal caos delle emozioni. Sprofondare nel canto di un malinconico ubriaco in una triste notte, nella gioia dei bambini all’uscita da scuola, negli occhi lucidi e infuocati di un lavoratore che non trovano la via d’uscita, mentre ogni giorno si muore ancora un po’.

Sfiorare i brividi sulla pelle mentre si ascolta un vinile dei Pink Floyd, e riuscire a toccare sotto le dita i segni del tempo andati  e logorati, interrogarsi  su dove sia finita l’arte, la poesia, l’ideologia e forse anche l’amore… Ci siamo davvero trasformati in macchine che non riescono a vivere di emozioni reali?

La meraviglia… Quella che vedi in un sorriso, in un ricordo, in un viaggio, nella natura, nella musica o in un libro, non ha prezzo.

I Sentimenti  non si pagano, non hanno valore monetario, ma hanno la capacità di dar valore e arricchire l’anima, hanno un potere: quello di farti sentire vivo, libero e diverso.

Raffaella Vistocco