Quanto conosciamo i musulmani? Breve storia della nascita dell’Islam (Parte 1)

0
845

Guerre, stermini, decapitazioni, sono queste le istantanee che ci giungono dal Medio Oriente in questi ultimi mesi. Immagini che ritraggono la realtà ma che per questo motivo non devono indurre noi occidentali a nutrire odio verso i musulmani tutti. Come spesso accade, l’uomo tende a generalizzare adottando così comportamenti sbagliati, conseguenza di posizioni affrettate e poco ragionate. Noi italiani, in particolar modo, stiamo dimenticando – o lo abbiamo già fatto – cosa significa la parola “tolleranza” eppure Indro Montanelli scrisse: “Siamo tolleranti e civili, noi italiani, nei confronti di tutti i diversi. Neri, rossi, gialli. Specie quando si trovano lontano, a distanza telescopica da noi”. Evidentemente i tempi sono cambiati e con questi anche il disprezzo nei confronti di chi è diverso, sia esso musulmano, nero, rom, gay o altro. È bene tenere a mente che ognuno è persona e in quanto tale deve godere di uguali diritti e doveri. Quest’introduzione si è resa necessaria per affrontare il prossimo argomento con lo spirito giusto, senza alcun tipo di pregiudizio. Solo così è possibile avvicinarsi a una cultura diversa dalla nostra, apprezzandone ogni singolo aspetto.

La cultura islamica ha dato un enorme contributo allo sviluppo del genere umano, ma dove, quando e soprattutto come ha avuto inizio?
Tutto cominciò con Muḥammad (fig.1), italianizzato in Maometto (mi perdoneranno i musulmani se non userò alcun tipo di eulogia come “gloria e benedizioni su di lui”). Nacque nel 570 d.C. a La Mecca (nell’attuale Arabia Saudita), divenne orfano all’età di sei anni e venne preso in custodia dallo zio, Abu Talib, con cui continuò l’attività di famiglia, il commercio. Nel 595 ca. sposò una ricca vedova, Khadigia e fin quando lei rimase in vita non sposò altra donna. Durante i suoi viaggi, Maometto rimase particolarmente colpito dalle pratiche ascetiche di alcuni monaci cristiani e ogniqualvolta rientrava a casa, era solito isolarsi per lunghi periodi in caverne o luoghi solitari per dedicarsi alla meditazione. In uno di questi ritiri, il Profeta ebbe una visione. Un angelo si rivelò a lui tenendo un libro tra le mani e gli disse: “Leggi! In nome del tuo Signore che ha creato, ha creato l’uomo da un grumo di sangue. Leggi! Perché il tuo Signore è il Generosissimo. Colui che ha istruito l’uomo per mezzo del calamo e ha insegnato all’uomo ciò che non sapeva”, Sura (=capitolo) 96: 1-5 del Corano (fig.2). Era l’Arcangelo Gabriele che gli appariva per la prima volta.

Di lì a poco altre visioni celesti dell’Arcangelo condussero Maometto, sotto dettatura, a scrivere le parole da diffondere al resto del mondo, parole di pace e compassione ma anche parole dure, rivolte contro i non credenti, intesi come i pagani quindi non contro gli altri monoteisti (cristiani ed ebrei). Per i primi anni, Maometto non parlò alla gente delle rivelazioni dell’Arcangelo se non a Khadigia e agli amici più vicini. Fu proprio la sua prima moglie ad avere un ruolo fondamentale durante questo periodo, confortando e assistendo il Profeta anche quando questo mostrava qualche segno di debolezza. A queste visioni ne seguirono altre e Maometto provvide a scrivere tutto ciò che gli veniva detto dall’Arcangelo, il quale parlava per bocca di Dio, cioè Allah. Per un periodo però il Profeta non ebbe più rivelazioni e fu all’improvviso che un nuovo messaggio gli fu comunicato, l’Arcangelo Gabriele non lo aveva abbandonato, anzi. Nel 612 ca. durante una visione a Maometto gli fu ordinato di diffondere a tutti le parole di Allah.
Ma di questo e del contenuto del Corano ne parleremo nel prossimo numero.

Fausto Mauro