Spiritualità e Sesso.

0
1430

Intendo sfatare, con questo articolo, l’idea che il sesso e la spiritualità siano aspetti della natura umana difficilmente conciliabili tra loro, e che soprattutto ci piace immaginarceli lontani, come su due opposte sponde. Sappiamo tutti come il pensiero religioso si tiene lontano dall’affrontare, ragionevolmente, argomenti che hanno a che fare con la sessualità. Considerata la vastità dell’argomento e le inevitabili divagazioni che sarei tentato di fare, circoscrivo il presente articolo alle situazioni afferenti la relazione d’amore tra uomo e donna. Non intendo discutere sui vari obblighi e divieti che ogni dogma religioso impone alla coppia poiché su questo ognuno di noi ha già fatto, sulla propria pelle, delle esperienze. Intendo mettere l’accento, invece, sull’importanza della spiritualità per una coppia. Facciamo un po’ di pulizia. La questione non è chiaramente di carattere religioso, anzi, giusto per ribadire il pensiero di cui sopra, affinché le mie parole possano essere ben interpretate, è necessario tener a parte le modalità con cui ogni religione affronta argomenti che hanno a che fare con la sessualità. In verità, cari lettori, il sesso e la spiritualità sono strettamente connessi. E il termine connessione non cade a sproposito. Intendo dire che è proprio nella sfera sessuale che gli esseri umani mostrano la loro diretta connessione con il Divino, con il Creatore. La creazione di una nuova vita, il concepimento, avviene con un atto sessuale. L’amore per l’altro si manifesta attraverso il desiderio di avere un contatto fisico con la persona amata. E’ nell’atto sessuale che gli amanti manifestano pienamente l’amore dell’uno verso l’altro. Cercare la vicinanza dell’amato/a, anelare il suo sguardo, sentire delle emozioni per quella persona, sono tutti aspetti che non hanno solo un’origine fisica, non è solo una questione di cellule, tale ricerca è il segno evidente che l’altro/a ci è necessario per sentirci completi. Sentirsi completi, a cosa vi fa pensare questa frase? Sentirsi completi in cosa? Perché la persona che amiamo è così importante per noi? Da dove viene questo desiderio di unirsi sessualmente con un altro individuo? Per le persone che hanno già fatto un loro cammino interiore ed hanno ben compreso di quanto la vita stessa sia pregna di spiritualità sanno bene che questa ricerca dell’altro sulla terra è la ricerca di quella Divinità invisibile a cui ognuno di noi da un nome diverso. Ma la divinità è sempre la stessa così come le persone, seppur differenti, hanno tutti gli stessi bisogni. Bisogno di aria, di cibo, di affetto, di cura, di vivere e di agire insieme ai propri simili, e in ultima analisi, di incontrare Dio. Conoscere Dio. Relazionarsi con Dio. Torniamo alla coppia. Gesù disse: quando due sono lì, io sono in mezzo a loro. Il senso di questa frase si può comprendere solo se si riesce a dare anche un senso spirituale all’amore di coppia. La benedizione delle unioni che avvengono in tutti i contesti religiosi, il matrimonio, è il segno che esiste un aspetto sacro dello stare insieme. Estendendo questo aspetto a tutte le altre forme di unioni tra due che si amano, a prescindere dal contesto religioso e anche civile, è chiaro che la sfera della sessualità entra di diritto in quella più grande della spiritualità. Per questo motivo il sesso è sacro e l’atto sessuale, di conseguenza, assume un’importanza rilevante nella coppia così come fuori dalla coppia. Connettersi con la propria divinità interiore, fuori dagli schemi di ogni religione, significa ri-trovare il senso della vita. Sicuramente la felicità ha molto a che fare con la divinità, ed è in questa relazione sesso-spirito che, molto spesso, si creano le basi per una relazione d’amore appagante, nutriente, semplice.

Ma molti amanti (coloro che si amano) non lo sanno e continuano a cercare fuori dalla coppia quello che invece dovrebbe già essere incluso, compreso nel kit, lamentandosi dell’altro e addossandogli colpe che non ha, senza considerare che ricercare e scoprire la divinità nell’altro, nell’amato/a, è il vero senso dello stare insieme. (nell’immagine Shiva e Shakti).

Emiliano Abhinav Boccia Orizzonte