Un pari che sa di amaro per il Montecorvino

0
572

PALMESE – MONTECORVINO 2-2

PALMESE: Carezza, Scognamiglio, Architravo, La Marca, Angieri, Logoluso, Manco (14’ st. Di Lauro), Di Giacomo ( 4’st. Vicinante), Montoro, Di Luccio (32’ st. Viasone), Palmieri.In Panchina: Leone, Iorio, Nisi, Formisano. All.: Monaco

MONTECORVINO: D’Antuono, Magliano, D’Amico, Guerrera, Rodio, Ruocco, Dede, De Stefano (17’ st. Maiorano), Tranfa (42’ st. Busillo), Letizia, Silva. In Panchina: Lamberti, Passaro, Marrone, Boninfante, Napodano. All.: Maiorano

ARBITRO: Niccolò Zizza di Finale Emilia
MARCATORI: 10’ Tranfa (M), 12’ Di Luccio (P), 42’ rig. Letizia (M), 45’ st. La Marca (P).
AMMONITI: Silva, Di Giacomo, Di Luccio
NOTE: spettatori 200 circa. Tempi di recupero 1’ pt. – 5’ st.

 

Pareggio amaro per il Montecorvino che, non riesce ad approfittare del passo falso della capolista Agropoli, fermata sul pari dal Città di Pompei. Due volte in vantaggio e due volte ripreso, ma il gol del decisivo pareggio lascia davvero l’amaro in bocca perché i Picentini sono stati in vetta alla classifica del campionato fino alle battute finali di gara, quando La Marca batte D’Antuono con un tiro potente da centro area.  Le carenze della Palmese vengono fuori dopo appena 10′ quando Logoluso perde palla e commette fallo, dal calcio piazzato spunta in area la testa di Tranfa che supera Carezza. Vantaggio che dura appena pochi minuti e Di Luccio pareggia su calcio piazzato. Prima dell’intervallo Di Giacomo colpisce in piena area la palla con le mani, Letizia dal dischetto non sbaglia e porta in vantaggio il Montecorvino.
Al Montecorvino non resta che gestire un secondo tempo che lo vede in vantaggio, e con rapidi contropiedi cerca di arrotondare il risultato, la Tranfa spreca una delle più ghiotte occasioni calciando a lato di poco.  Le occasioni sprecate si pagano, ed ecco il pari di La Marca nei minuti finali a regalare un punto alla Palmese, così da muovere la classifica e la delusione per la squadra di Apicella, che si ritrova costretta ad inseguire ancora.