CittadinoNews n. 11

0
701

“…e io avrò cura di te”. Così termina una delle canzoni più belle della musica italiana, interpretata dal maestro Franco Battiato. Un testo splendido che parla di paure, ipocondrie, fallimenti e inganni del tempo. E’ tutto quello che stiamo vivendo oggi nel 2013, eppure il brano risale al 1996. Com’è possibile? Non c’è spiraglio di cambiamento e forse ciò è dovuto al fatto che siamo bloccati, regrediamo, diamo sempre più spazio alle nostre frustrazioni e poco spazio alle nostre idee. Ci sentiamo prigionieri di un sistema corrotto, limitati da tutti i lati, ingabbiati. Cosa ci sta succedendo? E’ colpa nostra o degli altri? Che fine ha fatto la voglia di protestare per i nostri diritti? Dov’è finita la grinta? Perché ci lamentiamo continuamente ma non reagiamo? Forse non abbiamo ancora trovato la cura giusta. Non riusciamo a capire chi o cosa ci manca per rendere reale, sostenibile e armonioso il mondo. L’uomo di oggi, spesso, sceglie di recitare una parte e quella parte non è il suo essere ma è il centro della sua infelicità.
Va da sé che, se questo è il problema, tutta la furia e gli sforzi che facciamo per appartenere alle persone, al contesto sociale, a dei valori, tutto il nostro darci da fare per arrivare a essere qualcuno va ridimensionato. La cura potrebbe essere questa: il presente. Al di là del passato con il suo peso e i suoi ricordi e del futuro, con i suoi progetti e le aspettative, resta il presente, l’oggi. E nell’oggi ci siamo noi con la nostra autenticità che spesso è umiliata e cancellata da un sistema sbagliato e deviato.
Per questo è necessario sintonizzarsi su una nuova rotta esistenziale cercando di capire, partendo da noi, quali sono le qualità da coltivare, le prove da superare, gli ostacoli e le illusioni, quali i bisogni reali e le proibizioni, così da poter trovare il modo di uscire dal sonno del nostro tempo ed entrare in sintonia con la vita in modo nuovo, diverso e totale. La nostra cura è già dentro di noi… bisogna solo avere il coraggio di abbandonarci a essa.
Ancora una volta buona lettura.

Grazia Imparato